MALFATTI RICOTTA E SPINACI


MALFATTI…. PERCHE’ MAI?

 

Ritengo che braccio di ferro si sarebbe leccato i baffi di fronte ad un piatto fumante di malfatti agli spinaci.

Neanche il bambino più restio alle verdure disdegnerebbe questa nuvola di bontà.

Il condimento burro e salvia , anche se un po’ retrò, è il suo degno compagno di viaggio.

La generosa coltre di parmigiano, ingolosirà chiunque.

Consiglio: quando posate il piatto in tavola non allontanatevi più! Apparecchiate con cura prima, altrimenti per voi non resteranno neanche più le croccantissime foglie di salvia …

 

 

Ingredienti:

 

250 gr di ricotta

500 gr di spinaci surgelati

60 gr di farina

40 gr di parmigiano

1 uovo

sale

 

Per il condimento:

burro , foglie di salvia e tanto parmigiano

 

In una padella cuocere gli spinaci con un pizzico di sale. Riporli in un piatto in modo tale che si raffreddino più velocemente. Strizzarli con dovizia e tagliarli grossolanamente in modo tale che non vi siano filamenti troppo lunghi in ogni boccone.

In una ciotola unire alla ricotta il parmigiano, l’uovo, gli spinaci , la farina e il sale.

L’impasto risulterà molto morbido e appiccicoso, è così dev’essere!

In un piatto disporre della farina, formare delle pallotte grandi quanto un uovo ( non di struzzo!) e passarle nella farina. Inizialmente avrete difficoltà a dare un senso al composto ma dopo aver abbozzato la forma, aiutatevi rotolando i malfatti nella farina.

Mettere a bollire l’acqua in una capiente pentola, salarla e aggiungere un filo d’olio. Tuffare nell’acqua i vostri malfatti pochi per volta e, quando faranno capolino in superficie, pescarli abilmente con un mestolo forato e condirli con una generosa dose di burro rosolato con profumate foglie di salvia. Parmigiano a pioggia.

 

Note: i malfatti possono essere preparati con anticipo e scaldati all’occorrenza in forno aggiungendo il condimento prima di infornarli.

 

Elisa
Elisa
About me

Se vuoi leggere un pizzico di me clicca sul link qua sopra a destra "Un Pizzico di Ely". :-)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.